Croce, argento e smalto

Home | Tutorials
Croce, osso di seppia
Croce, osso di seppia Un’amica mi ha chiesto un pendente a croce occitana e mi ha dato il disegno da replicare. Ho preparato una sagoma in filo di rame per un solo braccio dato che i quattro bracci della croce sono uguali.
impressione, osso di seppiaHo ho impresso 4 volte il braccio per formare la croce. Con la spatolina zigrinata ho abbassato leggermente l’interno della croce e ho impresso un tubetto (mina di una biro) per ogni vertice (dodici in tutto). Ho scavato la canaletta d’alimentazione nell'osso impresso, e nell'osso di retro aggiungendoci due canalette per portare l'argento fuso nelle parti lontane.
controluce, osso di seppiaL’osso retroilluminato. In controluce passa più luce dove l'osso è meno spesso, il vertice centrale a sinistra mostra che manca l'interno dell'impressione della mina. 
fusione, osso di seppia Ho chiuso e sono andato in fusione.
Avevo abbassato troppo poco e poco uniformemente, l’argento non è passato, il getto è incompleto. Le canalette sottili aggiuntive che avevo scavato nel retro si sono rivelate inutili.
scavo, osso di seppia Nuovo osso. Ho di nuovo impresso i bracci della croce e il tubetto, ho scavato la canaletta d’entrata e due canalette aggiuntive per andare sul sicuro. Poi ho ritagliato un cartoncino lasciando l’apertura in corrispondenza della bocca di colata. Per il retro basta un osso liscio; ho chiuso lasciando il cartone fra i due ossi a far spessore uniforme e sono andato in fusione.
getto, osso di seppiaIl risultato è molto regolare, l’argento ha riempito uniformemente lo spazio tra gli ossi, ha potuto fluire e riempire le impressioni. C'è da lavorare un po' di seghetto.
Croce, osso di seppiaHo liberato a seghetto la croce. Dalla carota (il metallo che riempie l'imboccatura) ho lasciato sul vertice superiore quel che basta per l'attaccaglia.
smaltoCon una fresetta a palla ho scavato in ogni vertice la sede per lo smalto,
fusione smaltoCon molta attenzione ho scaldato il pezzo per fare evaporare l'acqua dallo smalto. Poi ho portato il pezzo al rosso, quando lo smalto è fuso, gli ho dato una passata di fiamma anche di sopra e per vedere diventare a specchio la superfice dello smalto. Ho poi lasciato raffreddare molto lentamente.
osseppia smaltoIl pezzo pronto per la finitura.