A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z
  • tabacco - nell’inquarto, l’oro puro che resta in fondo al contenitore dopo che l’acido nitrico ha sciolto la lega.
  • taglia-anelli, pinza - *
  • tagliente - parte attiva di un attrezzo o di un’arma formata dall’intersezione ad angolo acuto di due facce piane.       
  • taglio a gradini - taglio nel quale le faccette sono parallele alla corona, disposte a gradini.
  • taglio a smeraldo - tipo di taglio a gradini di pianta bislunga o quadrata,
  • taglio a tavola - taglio in cui sono evidenziate le due tavole sopra e sotto la cintura.
  • taglio cabochon - a fondo piatto e superficie superiore curva..
  • taglio lucido - incisione eseguita con un bulino che dopo l’affilatura è stato passato sulla carta da lucido. Lascia una superficie a specchio.
  • taglio - a) cut la forma che si dà alla pietra
    b) cutting il processo che trasforma il minerale grezzo in una pietra sfaccettata;
    c)
    in una lima designa la grossezza dei solchi o la distanza tra un solco e il successivo: 000, 00, 0, 1, 2, 3, 4, 5, 6 nell’ordine dal taglio grosso al più fine.
  • tagliolo da incudine: hardie - punzone* a forma di scalpello, si incastra a tagliente rivolto in alto nell'apposito foro dell'incudine, ci si poggia il pezzo rovente e si batte a martello.*
    takabori - (jap) incisione in altorilievo.
  • taille d’épargne - fr, letteralmente taglio al risparmio. Variante del champlevè in cui le linee scavate nel metallo vengono riempite con smalto opaco, risparmiando lavoro rispetto al basse-taille.
  • takazogan - (jap) intarsio rilevato rispetto alla superficie.
  • talco - fondello lucido di metallo bianco messo sotto le pietre per aumentarne il bagliore.
  • talismano: talisman - oggetto dotato di supposti poteri benefici, generalmente con simboli magici o astrologici
  • tallone - parte prossimale di un utensile o arma.
  • tamiso - setaccio.
  • targa di protezione - lamina, sovente decorata, posta a protezione del meccanismo della serratura
  • tarkashi - lavoro fatto con fili d’ottone intarsiati nel legno.
  • tartaro di botte - vedi gromma.
  • tartaro - acido tartarico.
  • tassellatura - divisione in più parti di uno stampo per un modello con sottosquadri*
  • tasso : stake - blocco d'acciaio sagomato che si fissa in morsa per formare e spianare a martello*
  • tasso a scanalare - blocco di metallo che porta scanalature di varia misura. Insieme al martello a penna serve a curvare grossi anelli o ad avvolgere a tubo la fettuccia.
  • tausia - processo decorativo che consiste nel preparare ad acquaforte le sedi e nel colmarle con foglia d’oro brunita o battuta sul fondo reso rugoso dalla morsura.
  • tavola - faccia superiore di una pietra sfaccettata, circondata dalla corona. Anche la parte centrale, piatta, dell’incudine.
  • telaio - struttura portante piana, in genere rettangolare, realizzata unendo in modo opportuno quattro o più listelli. Se il telaio è rettangolare, gli elementi verticali si chiamano montanti e quelli orizzontali traverse.
  • tempera negativa - il trattamento di tempera eseguito su metalli che, come le cuproleghe, ne vengono inteneriti. * top
  • temprabilità - la proprietà di una lega ferrosa di indurire a seguito di un raffreddamento rapido da un’alta temperatura.*
  • tempera, tempra: hardening - processo che permette di aumentare la durezza dell’acciaio mediante riscaldamento al rosso vivo e raffreddamento rapido in acqua (tempera comune), acqua e sale (tempera dura) oppure in olio (tempera tenera). Conferisce all’acciaio grande durezza ma anche grande fragilità, che va ridotta con il rinvenimento.
  • tenacità - proprietà di un corpo di resistere agli sforzi di trazione.
  • tenaglie - utensili manuali usati in forgiatura per afferrare i pezzi incandescenti da lavorare.
  • tenagliolo a braga - morsetto, pinze a manici dritti su cui scorre un anello che mantiene serrate le ganasce.*
  • tenagliolo - pinze.
  • tenone - parte terminale di un pezzo tagliata con due spalle in modo da ridurre lo spessore a un terzo circa; viene inserito in un apposito foro rettangolare, la mortasa, per realizzare un'unione stabile e robusta.
  • tensione superficiale: *
    termoplastica: thermoset plastic, thermoplastic - sostanza sintetica dura che non si scioglie reriscaldandola. La bakelite è una termoplastica..
    terra da pipe - argilla refrattaria.
  • terra di Francia - sabbia per fusione di ottima qualità.
  • terza mano - *
  • testa - a) parte larga, bocca del martello.
    b)
    Parte dell’anello, distinta dal gambo, in cui appare la decorazione.
    c)
    Parte del battente che percuote la porta
  • testo - specie di coppella, coccio.
  • tettarella - sagoma di gomma vagamente semisferica su cui si inserisce il modello di cera da investire e che fa da fondo al cilindro durante il riempimento con il materiale refrattario.
  • tiara: gioiello indossato sui capelli.
  • Tiffany setting - tipo d'anello reso conosciuto da Tiffany & Co, composto da un anello circolare con sei griffe alte che chiuduno un solitario.
  • tintinnabulo - pendaglio trapezoidale in bronzo con anello di sospensione.
  • tipario - sigillo di metallo usato per marchiare stoffe, pelli, derrate alimentari.
  • tirachiodi - punzone con testa forata longitudinalmente con diametro pari a quello dei ribattini che si usano. Nella cavità alloggia il tratto sporgente del ribattino mentre il punzone comprime bene il metallo all’intorno.
  • tiraloro - artefice specializzato nel ridurre oro e argento in fili sottilissimi che venivano impiegati nella tessitura.
  • tirare di spessore - ricavare l’intercapedine entro cui scorrerà il metallo fuso raschiando dalla superficie dello stampo uno spessore uguale a quello che si vuole dare al metallo.
  • tirare su: raising - formare la lastra di metallo battendola dall’esterno con un martello a penna sul corno piatto di una bicorna.T-stake or head
  • tirate d’aria - sfiati, nella formatura in staffe si eseguono infiggendo un sottile spillone nella sabbia fino a toccare il modello o quasi.
  • titanio: titanium - elemento metallico scoperto nel 1789, molto duro e leggero, poco duttile e malleabile, non si lascia saldare, ha PDF molto alto. Col calore o elettroliticamente può prendere una gamma di colori interessante ed è stato perciò usato anche in gioielleria.
  • titolo - percentuale di fino presente in una lega. Per l’argento si usa esprimere il rapporto ponderale fino/lega in millesimi, per l’oro, oltre ai millesimi, si adoperano i carati, cioè ventiquattresimi.
  • tocchino - pezzetto di oro a titolo conosciuto che si usa con la pietra di paragone.
  • tombacco, tombak - lega di rame e zinco, ottone rossastro simile all’oro.
  • toppa - foro praticato nella serratura, nel quale viene introdotta la chiave
  • toppo fisso - testa del tornio, porta il mandrino.
  • toppo mobile - controtesta del tornio, porta la contropunta.
  • torchon: collana formata da vari fili di perle o di grani attorcigliati a somigliare a un cordone.
  • toreutica: arte di modellare il metallo mediante sbalzo, incisione ecc. Si effettua su un solo pezzo o su più pezzi che poi vengono assemblati a formare un unico oggetto.top
  • tornio: lathe* -
  • tornire: spinning: spinning, a technique that originated in the early 19th century, can be used for most metals. A metal disk is set on a lathe behind an appropriately shaped metal or wooden chuck, and during rotation the metal is pressed onto the chuck with long-handled, polished steel tools.. Britannia metal was often spun; a typical, modern spun object is the aluminum saucepan. As in most metalworking techniques, the metal is periodically softened by annealing, or heating, when it has become hardened through being worked. *
  • torc, torque - collana (più raramente bracciale) penannulare con estremità generalmente espanse. Ricavata in un pezzo unico è in uso dall’età del bronzo, tipico monile celtico. La torque classica è di sezione cruciforme e ritorta.
  • torsello - quella superiore delle due matrici per coniare.
  • tortile - elemento cilindrico lavorato a scanalature avvitate, che simula la torsione.
  • tracciatore - cesello con testa a forma di cacciavite. Serve a produrre linee.
  • tracciatura - esecuzione delle linee e dei segni necessari alle operazioni di taglio.
  • trafila - placca di acciaio provvista di serie di fori svasati decrescenti attraverso i quali si tira il filo per ridurne il diametro.
  • traforo - l’archetto completo di lama per seghettare. Per traslato, il tipo di lavoro eseguito a seghetto.
  • trapano a palla - di impiego antichissimo, si usa ancora oggi. La rotazione, alternativamente in un senso e nell’altro, è generata dallo svolgersi di un cordino avvolto sull’asse verticale e mantenuta da un volano (palla).
  • trapano ad archetto - trapano composto da un archetto tra i due capi del quale un cordino compie un avvolgimento su un rocchetto portapunta. Con la destra si pone in movimento alternativo l’archetto mentre si preme la punta contro il materiale da forare spingendo con lo sterno (protetto) sulla contropunta che sporge dal rocchetto.
  • traslucido - che permette il passaggio della luce in modo diffuso, non permette di vedere distintamente attraverso
  • trasparente - che si lascia atraversare dalla luce senza diffusione, un oggetto posto dietro si vede distintamente.
    traversa - pezzo orizzontale in un telaio o in una struttura.
  • tremblant - elemento decorativo, parte di un monile (spilla, pendente ecc.) montato su una molla in modo che si muova quando lo si indossa.*
  • tripoli - terra silicea, composta dei resti delle diatomee, che si usa come pasta abrasiva nelle prime fasi della pulitura.
  • trittico: *
  • tronchese, tronchesino: nippers - *
  • trousse - piccola borsetta da sera in materiale prezioso.
  • truschino: surface gauge - barra verticale d'acciaio su una base pesante che porta un braccio regolabile con l'estremità tracciante (appuntita). Si usa per controllare altezze o livelli oppure per tracciare linee attorno agli oggetti. Si usa di solito su un piano di riscontro.
  • tsuba - la guardia delle spade giapponesi. Costituita di una piastra di metallo lavorata provvista di un foro centrale per la lama. La lavorazione più elaborata è riservata per il lato della tsuba rivolto verso il manico, dove è meno probabile che colpi di un’altra lama possano danneggiarla.
  • tsuka - elsa, impugnatura delle spade giapponesi. Spesso copertodi pelle di razza (same), quasi sempre con un avvolgimento decorativo di nastro o di cordino che migliora la presa.
  • tubo - tratto di cilindro cavo, il tubo in genere si produce da una fettuccia battendola in una scanalatura e poi trafilandola *
  • tubogas - *
  • tufo - pietra vulcanica che può essere usata per stampi fusori.
  • tula - lega simile al niello che veniva usata a Tula, in Russia, per decorare gli oggetti, principalmente tabacchiere, nel 19mo secolo.
  • tumbaga - lega di oro e rame usata nell’oreficeria precolombiana, si prestava all’arricchimento superficiale
  • tutto tondo: in the round - a figura piena, distinto dal (basso)rilievo*
  • tuyere - ugello in argilla che convoglia l’aria nel carbone della forgia o delle fornaci per ravvivare la combustione ed alzare la temperatura.*