A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z
  • à cage: *
  • à jour: - privo di fondo, che lascia passare la luce.Termine relativo all’incassatura (il castone privo di fondo permette di aumentare la luce che raggiunge la pietra), allo smalto (plique à jour), ai lavori traforati, alla filigrana.
  • abrasivo: abrasive - materiale in grani a spigoli vivi, di notevole durezza, serve ad asportare per attrito piccoli spessori dalla superficie dei pezzi in lavorazione.
  • acciaio: steel - lega di ferro con contenuti di carbonio tra 0.15% e 1.5%. Gli acciai  hanno colore bianco grigiastro, spezzati mostrano frattura più o meno finemente granulare, sono tenaci, duttili, malleabili e forgiabili a caldo. A seconda del contenuto di carbonio hanno caratteristiche ed usi diversi. L'acciaio dolce (soft steel) contiene fino allo 0.25% di carbonio, è usato per fili, lamiere, profilati, bulloni. Con acciai semiduri, contenenti tra 0.25% e 0.60% di carbonio, si fanno parti di macchine, molle, rotaie, travi. L'acciaio duro (hard steel), con contenuto di carbonio superiore a 0.60%, s'usa per lime, scalpelli e bulini, utensili in generale.
    Oltre al carbonio gli acciai possono contenere altri elementi aggiunti per conferire particolari proprietà alla lega. I più impiegati sono cromo, nichelio, silicio, manganese, molibdeno, tungsteno, vanadio e wolframio.
  • acciaio armonico: music wire - filo d’acciaio di alta qualità e alto contenuto di carbonio, usato per fare molle.
  • acciaio damasco: watered steel, damascus steel - acciaio composto di vari strati a tenore di carbonio diverso, ottenuti mediante ripetute piegature e saldature a forgia. Dopo una leggera morsura la superficie mostra venature a onde o altri motivi.
  • acciaio inossidabile: stainless steel - quello buono non è attratto dalla calamita. Contiene cromo e nichelio
  • acciaiolo, acciarino: - arnese in acciaio rigato per affilare  le lame
  • acciaio rapido: high speed steel - con cromo e tungsteno l'acciaio è durissimo ed autotemprante cioè non perde la tempera anche se riscaldato intorno a 800C e lasciato raffreddare all'aria. S'usa per punte da trapano, utensili da tornio, frese, può lavorare ad alta velocità scaldandosi molto per attrito e di qua la denominazione.
  • accoppiamento: fit
  • acetato: - resina termoplastica derivata dalla formaldeide, di aspetto cristallino e con ottime proprietà meccaniche.
  • acetilene: acetylene
  • acido: acid
  • acido cotto:
  • acido spento:
  • acqua di calce: limewater - soluzione idroalcalina di calcio idrossido.
  • acqua dolce, perla di: freshwater pearl - perla prodotta da molluschi d’acqua dolce, di qualità inferiore alla perla vera.
  • acqua ossigenata: hydrogen peroxide
  • acqua stella: - ottimo fondente per le saldature, preparato del commercio.
  • acquaforte: a) etching - soluzione di acido nitrico in acqua, usata per la morsura delle lastre di rame. b) lastre incise all’acido e c) le stampe calcografiche tratte da queste.
  • acquamanile: *
  • acquamarina: aquamarine - varietà di berillo color blu trasparente
  • acquaragia: oil of turpentine
  • acquaregia: aqua regia - miscela di acidi nitrico (tre parti) e cloridrico (una parte). L’acido solforico può essere usato al posto del cloridrico. Così chiamata perchè era l’unico acido capace di sciogliere l’oro. *
  • acquatinta: aquatint - tecnica di incisione all’acido che permette di ottenere superfici matt,usata di solito insieme ad altre tecniche, adatta per stampe a colori*
  • top
  • acrilico:*.
  • acus: a) - ago di una fibula o di una spilla. b) - spillo da capelli  dei Romani.
  • adamantino - tipo di lucentezza proprio del diamante. Duro come il diamante 
  • addolcimento: annealing, softening - ricottura..    
  • adularescenza: - effetto osservabile nella pietra di luna (adularia), di un riflesso interno nebuloso spesso bluastro
  • adularia: moonstone - pietra di luna. Il nome proviene dalla regione (Alpi Adularie, in Svizzera) dove venne rinvenuta le prime volte.
  • aes statuarium: - bronzo statuario dei Romani*            
  • affaticamento - vedi fatica
  • affibbiaglio: *
  • affilare: sharpen, to - fare il filo a un attrezzo o a una lama.
  • affinazione, raffinazione: refining 
  • agata: agate - varietà di calcedonio (quarzo) di colore variabile
  • agemina: inlaying - modo di decorare una superfice metallica incastrando in aree e canalette a sottosquadro scavate su un metallo pezzi sagomati di un materiale diverso e fili o lamine di un metallo differente.
  • aggetto: - parte di una struttura sporgente dal profilo verticale.
  • aggiornatura: - nell’incassatura, l’apertura sotto la pietra.
  • aggraffatura: seaming - congiunzione di due lamiere mediante piegatura dei loro bordi sovrapposti.
  • ago: pin - parte di una spilla o fibula che attraversa il tessuto due volte e viene tratenuto in una chiusura (o staffa).
  • ago della toppa - asticciola che partendo dall'interno della toppa, si affaccia al buco della serratura ed è ricevuta dentro alla canna della chiave femmina
  • agitatore: stirring rod - bacchetta di grafite, argilla, quarzo o più spesso ferro. Si usa per mescolare il metallo fuso prima di versarlo.
  • agoraio:*
  • agraf(f)e - chiusura da mantello formata da un gancio cucito su un lembo della veste che si aggancia a un anello cucito sull’altro.
  • aigrette - ornamento per il capo, leggera spilla a forma di piume. Il nome si riferisce alla forma, simile alla piuma dell’egretta.
  • ajourè: openwork - lavoro in cui la decorazione è formata da aperture tranciate nella lastra.
  • alabastrino - gesso finissimo da presa, usato per modelli, molto resistente.
  • alambicco - apparecchio, solitamente di rame stagnato internamente, adibito alla distillazione di liquidi volatili a temperature non molto elevate. Composto di tre parti: cucurbita (la caldaia contenente la sostanza da distillare), capitello (dove si raccolgiono i vapori), serpentino (dove i vapori si condensano).
  • alberino, fuso: spindle
  • albero flessibile (frusta): flexible shaft
  • albero: arbor - nella fusione centrifuga, asse centrale sul quale vengono fissate le cere.
  • alcale; alkali
  • alchimia: alchemy - studio empirico dei fenomeni della materia, da cui nasce la chimica. Arte di mutare i metalli vili in oro e argento.*
  • alcol metilico: methylated spirit
  • alesatore: reamer, broach - spina di sezione quadrata a spigoli vivi che serve ad allargare fori e a rifilare l’interno delle cerniere. Chiamato anche càlisvar, dal francese écarissoir.
  • alessandrite: alexandrite - varietà di crisoberillo, altamente dicroica, capace cioè di cambiare colore a seconda della luce: di giorno è verde spento, a lume di candela o lampade a incandescenza vira al rosso
  • alimentatore: runner - condotto per il metallo fuso
  • allicciatura - operazione consistente nella piegatura dei denti di una sega, alternativamente a destra e a sinistra, per ottenere un taglio più largo in cui la sega scorra senza attrito rilevante
  • alligazione: alloying - produzione di una lega per fusione.*
  • top
  • allume di rocca: rock alum - solfato di alluminio e potassio. Un tempo si ricavava a Rocca (oggi Edessa) in Siria: *
  • alluminio: aluminium (USA, aluminum) - isolato per la prima volta nel 1827.
    Colore bianco opaco, dopo l'argento è il più lucidabile dei metalli.
    Poco alterabile all'aria, resistente all’ossidazione.
    Attaccato dal cloridrico, dalle liscivie alcaline (soda, potassa), meno dal solforico e dagli acidi organici (più attivi in presenza di sale).
    Inattaccabile dal nitrico.
    Ridotto in polvere brucia con luce vivissima e forte sviluppo di calore.
    Molto duttile e malleabile, molto leggero, buon conduttore di calore ed elettricità.
    Entra in molte leghe.
    Simbolo Al
    MV 2.69 g/cm3
    PdF 659°C
    HB 25
  • alluvione, oro d’; nativo, oro *
  • allungamento: elongation
  • alpacca: nickel silver, german silver - lega di rame, nichelio e zinco, usata per posate, oggetti ornamentali ecc.
  • altare - muretto che separa il focolare dalla suola del forno a riverbero.
  • amo - gancio dell’orecchino.
  • amalgama: amalgam - lega di un metallo con il mercurio.
  • ambra: amber - resina fossile.*
  • americano, taglio: american brilliant cut - varietà del taglio a brillante, con tavola ridotta e altezza della corona aumentata.  Matematicamente è il taglio ideale per ottimizzare il fuoco del diamante
  • ametista: amethyst - (dal Gk "non ubriaco)varietà di quarzo usualmente viola pallido ma può avere vari colori,
  • amianto: asbestos
  • amigdala: amygdale - utensile di pietra, a forma di mandorla (Gr. amygdale)
  • ammoniaca: ammonia - composto idrogenato dell’azoto (NH3) .  Prende il nome dal tempio di Giove Ammone, nel deserto libico-egiziano, nei pressi del quale veniva raccolta. *
  • ammonio cloruro; sale ammoniaco *
  • ammorsatura, giunto ad: scarf joint - giunto in cui le parti che si incastrano sono complementari e tagliate in modo da mantenere le dimensioni
  • amo - gancio degli orecchini
  • amorfo: amorphous - privo di struttura cristallina, contrapposto a cristallino
  • amuleto: amulet - oggetto o materia che si riteneva potesse allontanare i mali per influsso. A differenza del talismano agisce solo a vantaggiodi chi lo indossa
  • anelle - orecchini.
  • anelli di scorrimento - staffe sagomate ad anello fissate al portone, entro cui scorre il catenaccio
  • anelliera - set di anelli graduati e numerati per misurare la grossezza di un dito.
  • anello - parte superiore della chiave che viene impugnata
  • anello: ring - monile a forma circolare indossato su un dito. Può avere funzioni estetiche, funzionali, cerimoniali, religiose.
  • anello a molla; moschettone: spring ring -
  • anello  astronomico: astronomical ring - è composto di anelli concentrici imperniati in modo che una volta spiegati, aperti, formino una sfera armillare
  • anello  da veleno; anello Borgia: poison ring - anello in cui la parte decorata superiore è incernierata e può aprirsi rivelando una cavità sufficiente a contenere qualche pillola o “il veleno”.
  • anello  da arciere: archer’s (thumb) ring - anello adoperato sul pollice come aiuto nel tendere la corda e come protezione. vedi anello a scudo.*
  • anello  da sigillo: signet ring
  • anello (di congiunzione): loop
  • anello di fidanzamento: bethrotal ring
  • anello  ecclesiastico - anello indossato dai dignitari della chiesa cattolica (cardinali, vescovi ecc.) come segno dell’ufficio.
  • angolo: angle    
  • anima: core - nucleo di sabbia o di terra da fonderia che permette di ottenere parti cave in un getto.
  • anannulare: annular - a forma di anello completo chiuso. Cfr. pennannulare.
  • anticlastica, forma - forma in cui gli assi principali curvano in direzioni opposte, per esempio una sella.*
  • top
  • ankh - croce ansata, simbolo della vita egiziano
  • anodo: anode
  • antimonio: antimony
  • apertura: opening, mouth
  • apice - culet.
  • appiccagnolo; attaccaglia
  • appannamento, offuscamento: tarnish
  • applique: *
  • appliqué - lavoro ornamentale eseguito separatamente e poi applicato sul pezzo.*
  • apprendistato: apprenticeship
  • apripista - fernetta verticale nella mappa parallela all'asta della chiave
  • aquamanile:*
  • arabesco: arabesque - tipo di decorazione caratterizzato da interlacings intricati, tipico dell’arte islamica
  • archetto portalame, seghetto: saw frame - supporto immanicato per le lame da traforo; seghetto.
  • arciforme - che ha un andamento curvo, simile a un arco.*
  • arco: bow - la parte superiore della fibula, il corpo, dietro cui c’è l’ardiglione
  • ardiglione; acus - a) spillo della fibula la cui punta alloggia nella staffa. b) elemento appuntito della fibbia che entra nel foro della linguetta.
  • arenaria*
  • argentana; argentone; alpacca
  • argentieresilversmith - persona che costruisce oggetti d'argento
  • argento vivo; mercurio.
  • argento; silver - simbolo Ag
    MV 10.39 g/cm3
    PdF 960.5 °C
    HB 25
    Il più bianco e lucidabile dei metalli.
    Il più duttile dei metalli, dopo l'oro è il più malleabile, si riduce a spessori inferiori a 1/500 di mm, che lasciano passare la luce colorandola d’azzurro.
    Inalterabile in acqua, si combina con lo zolfo contenuto nell'aria ricoprendosi di una patina scura di solfuro.
    Si scioglie in acido Solforico concentrato caldo e in Nitrico producendo il nitrato d'argento, caustico e velenoso.
    Il cloridrico l'attacca ma non lo scioglie.
    In acqua regia si copre di una patina insolubile di cloruro.
    E' il miglior conduttore termico ed elettrico.
    Raramente usato puro, s'usa legarlo con rame.
    L'argento s’acquista già legato col rame a titolo 800 o 925 millesimi. Si trova anche puro, in grani o globuli più o meno sferoidali, schiacciati o cavi, dalla forma e dal colore l'occhio esperto lo riconosce. L'argento a titolo si trova in lastra di vario spessore, in filo di vario diametro e, sovente, in preformati (tubicino, fettuccia ecc.) ed è più comodo del puro perché non obbliga a fondere, laminare, trafilare prima dì cominciare a modellarlo.
    L'argento in commercio in Italia è ordinariamente a titolo 800/1000. In Inghilterra invece il titolo dev'essere almeno 925, con soli 75/1000 di rame.
    pulizia - per togliere la corrosione da solfuro, se seria Idrossido di Sodio (Soda caustica) e Zinco, se piccola immergere 1 o 2 gg. in soluzione di ammoniaca.
    Piccole ossidazioni si tolgono con una miscela di talco, alcol, poche gocce d'ammoniaca, su un panno morbido; per grosse ossidazioni o per ripulire perfettamente decorazioni elaborate, mettere Ag a contatto con lamina d'Al e ricoprire con una soluzione al 5% di soda da cucina.
    Cu, Ag e ottone, singolarmente si puliscono mettendo un foglio di Al sul fondo di una vaschetta di plastica. Sciogliere ½ tazza di soda (carbonato di sodio) in un litro d'acqua molto calda.Versare nella bacinella, l'ossido metallico e l'Al reagiscono, il liquido ribolle. Dopo 2 min. estrarre l'oggetto con pinze di plastica, sciacquare con acqua calda e asciugare.*
  • argento 925: standard silver, sterling silver
  • argilla, creta: clay
  • argilla da formatore, terra grassa: loam
  • Arkansas, pietra di - pietra abrasiva naturale a grana finissima, dura, di color chiaro, proveniente dalle Ozark Mountains, va usata con olio.
  • arlecchino, opale: harlequin opal - varietà pregiata di opale che su uno sfondo più o meno rosso mostra punti multicolori.
  • top
  • armaiolo: *
  • armatura - scheletro di sostegno e rinforzo per forme.
  • armilla - bracciale, termine usato dagli archeologi
  • arpione - cardine, ferro infisso nel muro provvisto di un piolo su cui ruota l’occhiello, ganghero.
  • arricchimento della superficie: surface enrichment - dissoluzione dei metalli vili alla superficie di un lavoro d’oro legato, che lascia una buccia di oro puro o quasi. Dovuto al prolungato contatto con i sali del terreno oppure prodotto intenzionalmente usando acidi (depletion gilding).
  • arricchimento differenziale: differential pickling - consiste nello scaldare in aria il pezzo (lega d’oro o d’argento) in lavorazione per ossidare il rame in lega. Proteggendo parti ossidate del pezzo e rimuovendo con l’acido l’ossidazione sul resto si ottengono almeno due colori differenti.*
  • arrostimento - trattamento per arricchire il minerale da cui estrarre il metallo, si effettua ad alta temperatura in presenza dell’aria.*
  • arrotare: sharpen, to - operazione, che precede l’affilatura, consistente nel produrre a mola il tagliente di un attrezzo o di una lama.
  • arrotondare: rounding up
  • aryballos: *
  • art deco - stile decorativo originato negli anni venti in Francia in contrasto all’art nouveau
  • articolato: articulated - composto di pezzi mobili, snodato (pendenti a pesce, bracciali a serpente, canna gas)
  • artigiano: craftsman, artisan
  • artista: artist      
  • art nouveau - stile decorativo in voga tra fine 800 e primo 900. sinonimi: stile floreale, liberty, jugendstil
  • asimmetria: asymmetry
  • askos - dal Gk, otre, vaso per liquido con l’ansa sulla sommità. *
  • asse: axle, arbor
  • assemblaggio: assembly
  • assettatura - nell’incassatura, la preparazione di sede e battuta per la pietra.
  • asta - parte della chiave tra l’impugnatura e il pettine. Se è cava si chiama canna, se piena, fusto.
  • asterismo: asterism - fenomeno ottico che fa apparire in alcuni cristalli una stella, si osserva bene nel rubino e nello zaffiro stellati (star ruby e star sapphire).
  • astile, croce: *
  • atanor (athanor) - fornace a torre con fornello rifornito a caduta, in grado di conservare il fuoco alla stessa temperatura . *
  • attaccaglia: jump ring - anelletto di sospensione per medagliette, pendenti e simili.
  • attacco di colata: gate - il punto in cui il canale di colata si raccorda alla cavità della forma. *
  • attingitoio - sorta di mestolo a manico corto.
  • attorcigliare (torcere): twist, to
  • attrezzo: tool
  • attrito: friction
  • aurichalcum; oricalco.*
  • aurora borealis - vetro sfaccettato iridescente.*
  • autogena, saldatura - saldatura senza apporto di lega saldante. Si applica ai metalli che prima di fondere hanno un certo stato pastoso: ferro, acciaio, leghe preziose. Ghisa, zinco, alluminio, che non presentano pastosità non si saldano autogenamente.
  • autotemprante - proprietà di alcuni tipi di acciaio speciale, capaci di assumere la tempera anche raffreddandosi all’aria, lentamente.
  • avional - vedi duralluminio
  • avorio: ivory - sostanza biancastra dura e opaca che costituisce la dentina delle zanne dell’elefante e alcuni altri animali (ippopotamo, tricheco,narvalo, mammuth). Presenta una venatura incrociata caratteristica. In fette sottili è traslucido, invecchiando ingiallisce, Si lascia lavorare molto bene.
  • avventurina - varietà di quarzo contenente mica o altro materiale in scaglie che fannno apparire una luminosità  interna dispersa* 2)vetro che presenta pagliuzze irregolarmente (all’avventura) disposte al suo interno.
  • avvolgere; wind, to; wrap, to
  • avvolgimento: coil; wrapping     
  • avvolgitore: winder               
  • Ayr, water of - tipo di pietra per affilare e pareggiare, tenera e di grana fine, usata principalmente nella toprifinitura degli smalti. *
  • azotico, acido - acido nitrico.
  • azzimina - tausia.