ganoksin/blog/pennabilli
 
picasaweb.google/pennabilli
 
boticca./pennabilli
etsy./shop/pennabilli
 
pennabilli.blogspot.com/
 
 

Basta guardarmi! Mettetemi a confronto con un levriero con le sue gambe sproporzionate e capirete perchè...
METICCIO IS BEAUTIFUL!
bigolo

Aehm...sono nato in una notte buia e tempestosa a Villa Verucchio.
A due mesi sono stato adottato da Mario, che senza chiedermi un parere, mi ha preso su e mi ha portato a Pennabilli.
Stavo con lui da pochi mesi quando mi ha lasciato per un mesetto da una signora, non mi è spiaciuto, mangiavo pollo bollito, dormivo sul divano, mi coccolava un sacco.
Poi Mario è tornato, mangiavo un po' peggio, stavo sempre per terra, mi portava in macchina e rotolavo nelle curve, invece delle coccole mi dava amichevoli pacche e amichevoli calci, pretendendo che mi fossero particolarmente graditi.
Ma... ormai ero rassegnato. Ognuno ha la sua croce, anche chi ti sembra più fortunato, anche un cihuaua infiocchettato e profumato che fa cuccia in un seno o un attore della televisione come il commissario Rex.
Non è che il nome mi piaccia molto, Mario è di Venezia e dice che assomiglio a uno spaghetto -bigolo in veneziano- mentre io so che assomiglio più ad un elegante wurstel.
Dice che wurstel non suona bene per chiamarmi. Può sempre fischiare, ma non fischia forte.
Neanche un compromesso tipo hot-dog gli è andato bene. Mi terrò Bigolo, e sopporterò i doppi sensi.

Accompagno ogni giorno Mario a far spese in paese, mentre lui si fa un caffè io faccio i miei giri.
Poi lascio che mi chiami e fischi per un po', prima di farmi vedere. Altre volte me ne torno a casa per i fatti miei e lo lascio a cercarmi finchè non rinuncia e torna a casa anche lui (poi però gli faccio le feste).

Anni fa Mario mi ha portato in un agriturismo nell'astigiano dove teneva un corso. Sono stato assalito da migliaia di zecche appena risvegliate, mentre ero sdraiato fuori della porta. Quando Mario mi ha visto ero ormai invaso, dentro le orecchie, fra le dita delle zampe, sotto la coda, dappertutto.
Era domenica, un veterinario per telefono consigliava di radermi a zero. Il giorno dopo in un pet shop hanno fatto di meglio, un bel bagno e un'inondazione di insetticida costoso. Avessero seguito la dritta del veterinario, avrebbero tagliato anche l'addome delle zecche, lasciando la loro testa uncinata infissa nella mia pelle: mica simpatico!


Qualche anno fa ha nevicato assai. Tornavamo dal paese una mattina. non mi sono accorto, nella neve alta, che eravamo arrivati e ho proseguito perdendomi.
Non avevo punti di riferimento, nevicava e il mio olfatto (non è eccezionale) non serviva.
Ho dormito ranicchiato nella neve e il giorno dopo sono andato a casa di amici che hanno avvertito Mario.
Questi amici mi lasciavano stare sul divano, ogni tanto un bocconcino buono, coccole... insomma io non avevo fretta che Mario venisse a prendermi.
Poi ho saputo che Mario pensava che lo spalaneve mi avesse seppellito e che era andato con un bastone a sondare i mucchi di neve nel pomeriggio.


Una estate mi hanno dato una polpetta avvelenata. Mai stato così male! Ho rischiato di lasciarci il pelo. Dopo 5 giorni sotto sedativo e intubato mi sono ripreso.






Sono finito due volte sotto una macchina. La prima sono rotolato fra asfalto e fondo della macchina e me la sono cavata senza un graffio.
La seconda volta è andata un po' peggio: niente fratture ma sbucciature e botte varie mi hanno messo KO per qualche giorno.



Casa Funky è territorio mio!








Mi piace grattarmi la pancia, ho un modo mio: mi metto in Bujangasana e facendo leva sulle zampe davanti, struscio avanti e 'ndrè.





D'inverno, specialmente quando c'è la neve, passo le giornate a cuocermi il cervello contro la stufa.



Niente tabacco, niente spini (a parte una volta che un forasacchi è penetrato per una decina di centimetri sotto la mia pelle: il vet. me l'ha sfilato con delle pinzette molto ben studiate), non bevo, non sniffo, non mi impasticco, non gioco (ahimé, la coda è traditrice!), non faccio del male a nessuno, eppure mi guardano di traverso: sono messo all'indice come tombeur de chiennes, come sciupacagnette. Che ci posso fare se piaccio? So che la bellezza è epidermica, che non dura, ma finchè dura...



La prima storia l'ho avuta con una barboncina piccola, bianca che mi somiglia. Ha avuto sei cuccioletti stupendi, a lato vedete me, la barboncina e tre cuccioli.






Tra i fiori su cui mi son posato c'è Naima, cagna di taglia L mentre la mia taglia è S o meno ancora.
Per consumare abbiamo dovuto ingegnarci, ma ce l'abbiamo fatta.






Visti i risultati, da quella volta il nostro amore è diventato forzatamente platonico.
Laura ed Ema, conviventi umani di Naima, sono riusciti a rifilare la strana progenie a degli incauti prima che scomparisse l'effetto tenerezza che anche il cucciolo più sgraziato è capace di suscitare.







Mi piace far scappare i gatti, ma a volte non faccio paura neanche ai gattini. Confesso (solo perchè Mario ne ha prove fotografiche) che delle volte sono scappato col gatto che mi rincorreva.





2010, ho 12 anni. Li porto bene ma aveste visto tre o quattro anni fa, nessuno me ne avrebbe dati più di sette/8!
Ovviamente sono ggiovane dentro e curo molto il mio aspetto, mi piace farmi le meches nero olio grattandomi la schiena sotto i furgoni. Ho un bel pelo, ogni volta che piove mi faccio i fanghi e quando posso una bella rotolata nel letame, così Mario si decide a lavarmi.






Nei giorni di pioggia il fango fa dei bei giochi ornamentali col mio pelo così quando mi alzo da dov'ero accucciato, lascio un monticello di polvere. Mi sento ecologico, un Attila al contrario: dove passo cresce l'erba.
E Mario deve scopare spazzare cinque/sei volte al dì.


Tra i miei vicini di casa ci sono una quantità di gatti di cui non ricordo i nomi perchè sono tanti e ce n'è sempre di nuovi che arrivano e vecchi che spariscono.
Ci sono anche tre/quattro cani di cui non ricordo i nomi perchè ho una memoria del piffero. Sono due cagne e un bestione palestrato e anabolizzato (in verità il suo nome lo ricordo: Pisolo) che in tanti anni non mi ha mai lasciato avvicinare le femmine.
Ogni tanto ci provo e va a finire che mi ritrovo sulla schiena.

Non mi piace l'acqua di mare. Quella del fiume è meglio, quand'è caldo mi ci distendo (ma in genere non vado al di là di uno zampiluvio)



A metà febbraio 2008 siamo andati dal veterinario.
Mario non aveva problemi così mi sono fatto visitare solo io per il prurito al sopracoda.
diagnosi Non ho pulci, ma una dermatite. Mi gratto e questo irrita e scatena prurito così mi gratto e irrito di più così... ecc..
terapia Depilazione, disinfezione, iniezione antibiotica, trattamento frontline, applicazione imbuto ('mbuti?).
prognosi in 4/5 giorni me la cavo.
A destra mi vedete in tenuta da malato (con questo 'mbuto vado a sbattere dappertutto).


Un inverno abbiamo avuto la neve e molto freddo, una mattina lo strato superficiale della neve era una lastra ghiacciata, all'inizio ero perplesso: nella neve si affonda!
Ho capito la faccenda quando la neve ha ceduto..


Ormai sono un cane maturo, entrato in piùpausa. Sono un po' impigrito, non vado più a fare giri lunghi però ogni tanto mi faccio metter fuori di casa, tanto per far qualcosa e poi torno dentro.
In paese mi faccio trovare quando Mario mi chiama, spesso addirittura lo aspetto fuori dai negozi.
Anche stamattina ho accompagnato Mario in paese, ho fatto un giretto e poi sono andato al solito caffé pasticceria, dove mi lasciano entrare. Ho dovuto abbaiare due volte per farmi aprire, Mario mi ha sussurrato di infilarmi in un angolo e ho capito perchè era cauto: fra gi avventori ce n'era uno che non ama i cani. Quando Mario va nell'altro caffè, dove non potrei entrare, resto fuori ma appena qualcuno entra, mi insinuo e sguscio fino sotto una panca a muro e divento invisibile.
Mah! E sì che ho un carattere affettuoso, faccio le feste a tutti allo stesso modo, agli sconosciuti :"Ma che simpatico questo cagnetto!" e a quelli che mi conoscono:"Bravo Bigolo, mi hai riconosciuto!"
Pisolo è morto, non tanto per l'età ma perchè aveva problemi di cuore; e non fumava neanche! E sono morti anche Lulù (mia figlia che abitava con i nipoti di Mario) e il cane di Valter. Morti avvelenati con veleno da lumache, lo stesso veleno che mi aveva quasi ammazzato qualche anno fa. topNon è periodo di lumache e Lulù era molto casalinga, si allontanava di max 10 metri da casa. C'è chi dice i cacciatori, chi i tartufai... non so, c'è qualcuno che di proposito ci avvelena.




A brief comment from Mario.

Bigolo has read too many Peanuts!
True, he was born in a dark and stormy night, etc., but he forgets to say that he was born in the living room of a well heated house in a five stars box.
And then what the hell does Bigolo want? Does he thinks he's Rin Tin Tin or Lassie?
He’s neither a blind man's dog, a truffle dog, or a rescuer, etc.
Instead he's just a mangiacrocchette.
I must admit that he tries to help, he brings me dead rabbits, entrails and skins of rabbit, chicken feet (my neighbors have beasts), eggs, dead birds, moles, mice, bones and so on.
I can not make him understand that the kind of food that he proposes is not for me, I am a vegetarian.