autori

Anarchia Etica
(The Match, winter 2001 – 2002)

Non è una forma di statalismo. Gli Anarchici Etici non vogliono imporre il loro sistema di valori a nessuno,
non sono terroristi. L’agente del governo -il poliziotto, armato per farsi obbedire con l’intimidazione- è il terrorista.
Il governo minaccia di punire chi resiste al potere dello stato, e quindi lo stato si riduce ad un’istituzione terroristica.
L’Anarchia -l’Anarchia Etica- non conta mai sulla paura per realizzare qualcosa, perché una persona che ha paura non è libera.

Ecco quello che gli anarchici etici credono:
Il governo è un male non necessario. Gli esseri umani, se sono abituati ad essere responsabili dei loro comportamenti, possono cooperare sulla base della fiducia reciproca e della solidarietà.
Nessuna vera riforma sarà possibile lasciando intatto il governo. Gli appelli ad un governo perché ponga rimedio ad un’ingiustizia, anche quando riescono nello scopo, non fanno altro che aumentare la millantata legittimità dei suoi atti, e quindi contribuiscono ad aumentare il suo potere.

Il governo sarà abolito quando i suoi governati smetteranno di garantirne la legittimità. Il governo non può esistere senza il consenso silenzioso della popolazione. Il consenso si conserva mantenendo la gente nell’ignoranza del suo reale potere. Il voto non è un’espressione di sovranità, ma un’ammissione d’impotenza, costringe a riconfermare la supposta legittimità del governo.

Ciascuno deve avere il diritto di decidere della sua vita. Qualsiasi intrusione moralistica negli affari privati di persone libere di agire non ha alcuna giustificazione. Comportamenti che non danneggiano chi non è coinvolto sono fatti che riguardano solo i partecipanti.

Non siamo impegnati da costituzioni o patti fatti dai nostri antenati.
Qualsiasi contratto sociale o patto che pretenda di vincolare generazioni non ancor nate –o meglio, chiunque fuorché i contraenti- è una frode spregevole e presuntuosa. Siamo agenti liberi, responsabili solo per gli impegni che prendiamo noi personalmente.

Tutti i governi si nutrono di furti ed estorsioni, chiamate tasse. Tutti i governi impongono i loro decreti alla gente, e pretendono obbedienza con la minaccia della punizione.
Le più grosse atrocità della storia sono state perpetrate da governi o da ideologie autoritarie, le religioni, mentre ogni progresso nel pensiero, ogni miglioramento della condizione umana, è venuto dalla cooperazione volontaria e dall’iniziativa individuale. Il principio del governo, che è la forza, è opposto al libero esercizio della nostra capacità di pensare, agire e cooperare.

Quando un governo s’installa, fa più danni di quanti ne eviti. Con la scusa di proteggere il popolo dal crimine e dalla violenza, i governi non solo non eliminano la piccola criminalità, ma ne istituzionalizzano delle varianti come la censura e la guerra.
Tutti i governi sviluppano ed estendono i loro poteri. Sotto il governo, i diritti degli individui continuano a ridursi.
L’Anarchia Etica è in favore di una società libera organizzata su linee di cooperazione e aiuto reciproco.